Agenzia di Stampa Piazza Cardarelli

Registrazione Tribunale di Napoli n° 4875 del 22 – 05 - 1997

Direttore Responsabile Gianfranco Bellissimo

Direttore Responsabile mail: gianfrancobellissimo@virgilio.it

marketing e pubblicità: castro.massimo@yahoo.com

Tutte le collaborazioni, salvo diversi accordi, si intendono gratuite

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle
  • Twitter - White Circle

Iscriviti e richiedi la CARD dell'ASSO CRAL GRATUITAMENTE

 © Copyright All rights Reserved - Piazza Cardarelli

Piazza Cardarelli

Carnevale di Castelvetere sul Calore

28/02/2017

 

Domenica ultimo appuntamento col Carnevale di Castelvetere

 

Ogni anno, dal lontano 1683, la secolare tradizione si rinnova nell'antico centro irpino con la caratteristica parata dai mille colori, il corteo delle maschere che sembra facciano a gara e alquanto difficile appare stabilire quale sia effettivamente più bella.
Le giornate clou sono quattro: le due domeniche che precedono il Martedì Grasso in cui si celebra il momento clou è la successiva domenica che vede, oltre a tutto il programma completo dei giorni precedenti, anche la celebrazione del Carnevale Morto e l'estrazione dei premi della lotteria abbinata, prima del Gran Ballo con le Maschere, che chiude lo spettacolare evento.
Cinquecento maschere che danzano a ritmo, invitando tutti i presenti a seguirle a passo di danza, gli imponenti carri satirici con scritte di denuncia sociale, costruiti dagli abitanti, così come avveniva già nel 1683: Castelvetere vive la sua festa con passione d entusiasmo travolgenti e si apre ai visitatori, fiera delle sue tradizioni e certa della eccellenza settoriale della sua offerta. 
Tutto invita al divertimento ed alla gioia di vivere, a vivere l'attimo con spirito goliardico e conviviale, con socialità e gaiezza.
In particolare, il Carnevale è tra i più antichi del Sud, il Carnevale di Castelvetere è tra quelli più spontanei e partecipati. Dai turisti e soprattutto dagli abitanti che sentono profondamente questa tradizione dai primi anni di vita e già da allora si mostrano orgogliosi di indossare i propri sgargianti costumi a tema e lo saranno poi per tutta la vita, fino a tarda età. La consuetudine si ripete ogni anno.
Questa edizione è ancora maggiormente interessante perché densa di elementi catalizzanti, a garanzia di un sicuro coinvolgimento.
Dopo lunghi preparativi durati mesi, per l'ideazione e la lavorazione dei tipici carri e per la scelta è la preparazione dei magnifici costumi, gli eventi sono iniziati il 19 con la sfilata di del Princeps, che da quest'anno raccoglie tutti insieme i principali carnevali irpini; poi domenica 26, quella tipica castelveterese, dai costumi scenici e raffinati che è stata ampiamente partecipata dai tanti visitatori incantati davanti a tanto splendore e colore, oltre che dagli abitanti al completo che hanno festeggiano alla grande anche il martedì grasso e celebreranno, domenica prossima, l'ultimo atteso ed imperdibile appuntamento di questo periodo che chiude il Carnevale.
Per il 5 marzo, si prevede la folla di visitatori e turisti che hanno già affollato le altre giornate, giunti per assistere e partecipare a quello che è a giusta ragione definito uno degli spettacoli carnevaleschi tra i più belli d'Italia, simbolo dell'inventiva campana, testimonianza dell'antica tradizione spontanea, scevra da pressioni commerciali che hanno finito per condizionare inevitabilmente altri Carnevali  italiani ed esteri. 

 

 

 

Il programma di domenica prossima, si presenta addirittura ancora più ricco di quello del Martedì Grasso e delle precedenti domeniche - quella Princeps e l'altra della Tradizione casteveterese- tutte premiate dal meritato consenso del folto ed entusiasta pubblico. Dalle ore 14,30 la caratteristica sfilata dei carri allegorici e dei gruppi di ballo. Alle ore 19 il ballo con le Maschere in piazza Monumento; aperte in anteprima le porte del museo del Carnevale. Domenica 5 marzo, inoltre, l'offerta si arricchisce della rituale celebrazione dedicata al Carnevale Morto, che si svolgerà indicativamente alle 17,30 e successivamente, alle 18,30 ci sarà l'estrazione dei premi della Lotteria.
I carri satirici di questa kermesse: American Party, ispirato al presidente USA Trump; Omaggio a Venezia; Mille braccia per l'Italia in stile Occidental Karma; In viaggio...per la ricerca; Musica e psiche;  Il grande Mazinga idolo dei più piccini. 
Ed ancora, gli splendidi gruppi di ballo, tra i quali: Rondo veneziano; Profumo d'Oriente;  Dory cerca Nemo; Pulecenella. Poi c'è il tipico gruppo della Tarantella e non soltanto.. Maschere 🎭 non varice e classiche, tutte dagli abiti stupendi, arricchiti da scintillanti cristalli e paillettes e sontuosi merletti, cappelli e velette, turbanti dorati come i costumi orientali, sfavillanti multicolor in stile Antica Venezia. 
"Qui a Castelvetere il Carnevale rappresenta una tradizione storica, molto antica, radicata e soprattutto partecipata tutt'oggi anche dai giovani - afferma il sindaco Giovanni Remigio Romano - Un simbolo che difendiamo e che crediamo, debba essere anche il principale motore di una mirata ed efficace promozione del territorio e di un concreto sviluppo che possa dare nuovo slancio alla nostra economia favorendo le attività produttive, ristorative, ricettive e tutte quelle legate alla promozione culturale ed artistica tradizionale ed innovativa".
"In una piccola realtà come Castelvetere far mascherare quasi 500 persone e sopratutto realizzare uno spettacolo come quello che stiamo proponendo, non è facile, ma ci siamo riusciti - sottolinea il presidente della Pro Loco, Raffaele Limone - Quest'anno qui si è compiuto un autentico miracolo artistico. Tutti gli sforzi, l'impegno e i sacrifici sono finalmente ripagati dalla presenza di migliaia di visitatori che oltre a ballare e a divertirsi insieme a noi, hanno potuto accostarsi al nostro patrimonio storico, culturale, ludico ed enogastronomico".
Nel tipico centro storico, tre caratteristici ristoranti coccolano gli avventori con proposte della tradizione locale a base di genuinità e prelibatezze territoriali. Famoso è da Giovanna, accogliente ritrovo dei buongustai più golosi ed esigenti, con la sua offerta variegata e le irresistibili specialità; poi ci sono da Miliuccio e la Taverna Santa Lucia. Inoltre, stand gastronomici in strada, propongono  degustazioni più semplici.
Risale al 17' secolo il Carnevale di Castelvetere, epoca delle rivalità artigianali dei due agglomerati del Castello e della Pianura. Dopo la seconda guerra mondiale, presero il nome di piazza e via Roma. Il Centro storico del Paese, era composto da famiglie che da generazioni erano castelveteresi; la seconda, invece prende il nome dalla via che unisce le varie zone artigianali ed era abitata dalle famiglie migrate dai vicini luoghi.
Stimolate odalla volontà goliardica di prendere in giro i personaggi di spicco della fazione avversaria, le individualità artigianali venivano a confrontarsi proprio nel Carnevale, pure attraverso una satira spesso feroce e determinata quanto insistente, che poteva sfociava frequentemente in scontri fisici anche vilolenti. 
I carri, vanto da sempre del paese, venivano costruiti dai locali, come avviene tuttora, ma allora ciò accadeva eslusivamente in luoghi coperti dal segreto, così pure segreti erano i soggetti ai quali si ispiravano, per non correre alcun rischio che la fazione avversaria potesse rispondere con un altro carro allegorico a tema, "parando il colpo" con altrettanta sagacia.
Il Carnevale castelveterese nello scorso secolo ha raggiunto un periodo di grande notorietà negli anni ’60 e ’70: insieme ai tradizionali carri allegorici, simbolo del Carnevale di Castelvetere, vi erano numerosi gruppi mascherati, nei quali si ritrovavano cittadini appartenenti a varie fasce di età. Tra questi, il gruppo delle pacchiane, composto da ultrasessantenni; quello dei giovani, dei bambini, e di seguito tutti gli altri. 
La qualità dei carri allegorici, è andata sviluppandosi rendendo sempre più belli ed imponenti, e così è avvenuto per i balletti e i costumi.
Con la fondazione delle Pro Loco, dopo gli anni '70, le due fazioni si sono impegnate per creare un'unione ed è stato costituito un gruppo carnevalesco.
Le ostilità tra le due opposte fazioni sono così scemate e così pure le provocazioni di un tempo e si è passati ad indirizzare la pungente satira verso i politici nazionali ed internazionali. In comune con il passato è rimasto il desiderio di divertirsi tutti insieme e il piacere di offrire al pubblico uno spettacolo curato nei dettagli ed allo stesso tempo testimonianza di spontaneità  e culto della tradizione.
Il gruppo mascherato della Tarantella, che non manca mai nel tipico Carnevale, rappresenta una significativa testimonianza del passato sempre presente. Alla fine della consueta e variopinta sfilata, tutti i gruppi insieme agli spettatori, si riuniscono nella piazza principale di Castelvetere. Ed è qui che tutto insieme si scatenano in un antico coinvolgente ballo tipico.
La manifestazione si tienecla domenica ed il successivo martedì grasso ed è caratterizzata da sfilate per le principali strade cittadine di gruppi mascherati, balletti folcloristici e coloratissimi carri allegorici in cartapesta. Il Carnevale di Castelvetere sul Calore è tra i più artistici e tra i più rinomati Carnevali d’Irpinia e della Regione Campania, oltre che del Sud, e costituisce una valida testimonianza di una ultrasecolare usanza più che mai viva. 
In particolare, la novità principale di questo 2017 è costituita dalla unione delle varie testimonianze carnascialesche dell'Irpinia in un grande ed unico patrimonio culturale territoriale, sotto il marchio del "Carnevale Princeps Irpino" dal "Princeps" che era un rappresentante eletto nel Medioevo dal popolo.
L'obiettivo è costituire un movimento turistico-culturale. In tal modo ogni comunità che partecipa all’evento può vivere poi nel proprio centro il suo carnevale. Nei vari comuni irpini vengono accorpati i gruppi in maschera dei vari territori, per realizzare un Carnevale itinerante che promuova le antiche tradizioni anche fuori della Campania, rilanci la destinazione della zona e favorisca la destagionalizzazione del turismo, creando reddito in molteplici modi.
Esportare il Carnevale Princeps oltre i confini della regione, in giro per l’Italia, oltre che in Irpinia, costituisce una maniera efficace per far conoscere la cultura della zona e promuovere un'operazione tesa ad avere un ritorno turistico. Infatti, Princeps è l’espressione di tanti carnevali tradizionali d’Irpinia ed è un cartellone di eventi con i quali si punta a mantenere vivo l'interesse collettivo sul Carnevale. In questo modo favorire il turismo legato al Carnevale storico, che vede tutta la comunità impegnata nei giorni dell’evento vero e proprio. Dall'inizio di febbraio in giro per l’Italia si sono tenute varie manifestazioni: il Carnevale di Montemarano, di Castelveterese, Zeza di Mercogliano,  Zeza di Capriglia Irpina,,‘O ballo ‘ndreccio di Forino, Mascarata di Serino. Prima a Perugia, a Villa Taticchi, poi ai Musei Capitolini e al Parco della Musica di Roma per l'esibizione di 250 figuranti per “La Tarantella del Carnevale”, ideata dal musicista ed etnomusicologo italiano, Ambrogio Sparagna, per l'Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium Parco della Musica con il Coro popolare diretto da Anna Rita Colaianni. Poi, a Forino ed a Montemarano ed a Castelvetere in occasione con l'apertura in anteprima di due Musei del Carnevale. L'intenzione è di valorizzare i molteplici aspetti del Carnevale, facendo leva sulla forza dell'associazionismo legato alle tradizioni e al patrimonio culturale di un territorio dalle tradizioni spontanee di inestimabile valore.  

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Google+
Mi Piace
Please reload