Agenzia di Stampa Piazza Cardarelli

Registrazione Tribunale di Napoli n° 4875 del 22 – 05 - 1997

Direttore Responsabile Gianfranco Bellissimo

Direttore Responsabile mail: gianfrancobellissimo@virgilio.it

marketing e pubblicità: castro.massimo@yahoo.com

Tutte le collaborazioni, salvo diversi accordi, si intendono gratuite

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle
  • Twitter - White Circle

Iscriviti e richiedi la CARD dell'ASSO CRAL GRATUITAMENTE

 © Copyright All rights Reserved - Piazza Cardarelli

Piazza Cardarelli

AMSTERDAM TRA BICI E COFFEE...BREAK

03/08/2017

 

 

Misteriosa e sincera e tra le più belle capitali europee. 

 

 

Amsterdam, ridente capitale dei Paesi Bassi, deriva il suo nome dal primo insediamento che nel XIII secolo alcuni pescatori costruirono intorno al fiume Amstel. Da lì in poi un grande sviluppo nacque intorno a quelle acque ed il commercio si sviluppò a tal punto da portare gli olandesi fino alle lontane terre dell'America, fondando quella Nuova Amsterdam che sarebbe divenuta famosa al mondo con il nome di Nuova York. 

Una delle poche monarchie europee ancora in essere, quella dei Paesi Bassi è stata da sempre terra di eccessi e di tolleranze, patria di grandi pensatori come Spinoza e al tempo stesso di artisti sregolati come Van Gogh.

 

L'atmosfera di calma irriverenza, di fresca modernità  si respira subito, dall' aereoporto di Schipol dove negli store dominano i  colorati tulipani ovunque fino al centro storico, raggiungibile comodamente con i mezzi di trasporto di GVB.

 

Occorre comunque muoversi presto, sia chiaro, in quanto se si ha intenzione di fare vita notturna conviene fittare una bicicletta e spostarsi tra le colorite vie olandesi senza problema. Da evitare assolutamente i taxi che per coprire la distanza aereoporto - centro  (circa 15 km)  vi chiederanno intorno ai 50 euro....Già, perché nessun fuso orario ma ahimè nessuna differenza di valuta con minor poter d'acquisto (beh meglio di Londra! ndr) e ciò significa che il denaro si spende che è una bellezza. Soprattutto tra le pittoresche stradine del centro, dove di pub, ristoranti etnici e coffee shop dove fumare liberamente droghe leggere se ne trovano a gogò. La legge olandese è tollerante su molti aspetti rispetto a quella italiana ma certo non è aperta a qualsiasi libertà. Ad esempio sfatiamo il mito della cannabis per tutti. Dal punto di vista legale, infatti, in Olanda non c’è distinzione tra droghe leggere e pesanti perchè sono tutte illegali  così come lo è illegale produrne, possederne o importarne e venderne. C'è piuttosto tolleranza per il consumo di cannabis da parte delle persone adulte. Se si è maggiorenni si possono usare (e acquistare) fino a 5 grammi a persona di droghe leggere (Hashish e Cannabis), ma soltanto in appositi store, i Coffee Shop. Quanto agli alcoolici si possono consumare solo nei locali : in caso contrario si è passibili di multe salate!Altro antico peccato che gli olandesi hanno trasformato in business è  quello della prostituzione:  le "vetrine" attirano curiosi da ogni parte del mondo Una rivisitazione, quella del quartiere a luci rosse, delle antiche case chiuse in una versione un po' più appariscente.

Con i suoi canali ricorda un po' la nostra Venezia ma la nostalgia ed il mistero aleggiano solo tra la moltitudine di vicoli e canali. Amsterdam è una metropoli moderna; Venezia , la Serenissima , è immutata nella sua classicheggiante ed elegante fisionomia che tutti conosciamo. 

Di cose da vedere ce ne sono e come ad Amsterdam: prima tappa non può non essere Piazza Dam con il Palazzo Reale (ormai sede dei regnanti solo nelle occasioni ufficiali)e i musei dell'erotismo e delle cere. Non potete non visitare poi il Rijjsmuseum  dove vi sono alcuni capolavori di Rembrandt e il museo di Van Gogh  ma consigliamo vivamente di prenotare prima o quantomeno visitarlo sul presto vista la grandissima affluenza. Ci sono poi altre tappe storiche ed artistiche su cui non ci soffermiamo ma che meritano di essere menzionate: su tutte la casa museo di Anna Frank, dove si assaporano i luoghi, gli anni e le sofferenze degli orribili anni del nazismo.  E il cibo? Beh, con tutto il rispetto per la tradizione olandese, al di là dei formaggi, delle crepes e dei piatti a base di carne non troverete una cucina forte tradizionale ma piuttosto un melting pot dove uno stesso piatto può essere cucinato in salse diverse e i sapori si fondono in un unicum. Per digerire vi suggeriamo una bella gita in battello tra i centocinquanta e più canali che percorrono la città, dove potete respirare l'aria (spesso fresca ed umida - non fa caldo come qui da noi!

 

Heb een goede reis! (buon viaggio! )

 

P.S. per evitare sorprese,meglio prenotare un albergo con largo anticipo e tenere d'occhio sia distanze che, soprattutto, ... biciclette! 

 

 

 

 

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Google+
Mi Piace
Please reload