Agenzia di Stampa Piazza Cardarelli

Registrazione Tribunale di Napoli n° 4875 del 22 – 05 - 1997

Direttore Responsabile Gianfranco Bellissimo

Direttore Responsabile mail: gianfrancobellissimo@virgilio.it

marketing e pubblicità: castro.massimo@yahoo.com

Tutte le collaborazioni, salvo diversi accordi, si intendono gratuite

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle
  • Twitter - White Circle

Iscriviti e richiedi la CARD dell'ASSO CRAL GRATUITAMENTE

 © Copyright All rights Reserved - Piazza Cardarelli

Piazza Cardarelli

DONNE PERDUTE, LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO GIOVEDI 23 MAGGIO ALLE 18

22/05/2019

 

Storie difficili e dolorose, un’appassionata ricostruzione di ritratti umani, la cui voce narrante è affidata alle donne.

 

Donne Perdute (Turisa editrice) di Mirella D’Orsi, è un libro sul senso della vita e sul valore della famiglia, pregno d’amore che affronta l’Alzheimer.

 

Una malattia questa,  in cui i ricordi i svaniscono, il domani diventa sempre più incerto e tutto inaspettatamente perde essenza e forma.

 

Verrà presentato a Napoli,  giovedì 23 maggio  alle ore 18 presso il Circolo Ufficiali della Marina Militare in Via Cesario Console, 3.

 

Al tavolo dei relatori, saranno presenti Calia Raffaella Monia, sociologa, antropologa, la psicologa Antonella Santillo, il geriatra Francesco Junod. Modera Elena Pennarola,  socia Fidapa sezione Napoli, dirigente medico asl. Faranno i loro saluti l’Ing. Andrea Di Raimondo, Capitano di Fregata, Presidente Circolo Ufficiali, Marina Militare di Napoli e Cristina Franzino Cagnazzi, Past President Fidapa BPW Italy, Sezione di  Napoli. Alcune pagine del libro, verranno lette dall’attrice Liliana Palermo.

 

L’Alzheimer, una malattia progressiva che lentamente comporta la degenerazione delle facoltà mentali, del comportamento, e  numerosi sono i cambiamenti che provoca nell’identità della persona.

 

Il libro, dove protagonisti sono i pensieri confusi di queste “donne perdute”,  trascina il lettore nel dramma della malattia e del senso di impotenza e di inadeguatezza che talvolta ne derivano.

 

Perché a perdersi in questo cammino, non è solo chi ne è direttamente colpito, ma anche chi, quotidianamente,  assiste il proprio caro.

 

La scrittura di Mirella è semplice ma dettagliata, descrive con commozione nelle sue pagine,  lo smarrimento e le fragilità di chi vede la propria vita spegnersi. 

 

Ma la sfida più grande,  sottolinea l’autrice nel suo messaggio di speranza, consiste  proprio nel sostegno, nell’amore e nell’affetto incondizionato.

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Google+
Mi Piace
Please reload