CENANDO SOTTO UN CIELO DIVERSO



Cenando sotto un Cielo Diverso: doni ai bimbi dell’ospedale Santobono Pausilipon consegnati dall’attore Francesco Albanese e dallo chef stellato Giovanni De Vivo   Una Befana  è scesa in groppa alla sua scopa dalla volta celeste di “Cenando sotto un Cielo Diverso” per atterrare nel reparto di nefrologia pediatrica dell’ospedale Santobono Pausilipon di Napoli.  L’Epifania  al nosocomio pediatrico ha visto la visita della “vecchietta” che ha portato un bel po’ di regali che sono stati consegnati ai piccoli degenti dall’attore, regista, autore e sceneggiatore Francesco Albanese, dallo chef stellato Giovanni De Vivo, dall’ideatrice del progetto “Cenando sotto un Cielo Diverso” Alfonsina Longobardi, dal prof. Carmine Pecoraro direttore del reparto, e dal giornalista Davide Milone. Con loro Vincenzo Di Cecio, di Tenuta San Domenico, location ove a marzo si svolgerà il prossimo evento di “Cenando sotto un Cielo Diverso in tour”, il cui obiettivo sarà raccogliere fondi per l’acquisto di un macchinario da destinare al reparto di nefrologia pediatrica dell’ospedale napoletano

Cenando sotto un Cielo Diverso: doni ai bimbi dell’ospedale Santobono Pausilipon consegnati dall’attore Francesco Albanese e dallo chef stellato Giovanni De Vivo


Una Befana è scesa in groppa alla sua scopa dalla volta celeste di “Cenando sotto un Cielo Diverso” per atterrare nel reparto di nefrologia pediatrica dell’ospedale Santobono Pausilipon di Napoli. L’Epifania al nosocomio pediatrico ha visto la visita della “vecchietta” che ha portato un bel po’ di regali che sono stati consegnati ai piccoli degenti dall’attore, regista, autore e sceneggiatore Francesco Albanese, dallo chef stellato Giovanni De Vivo, dall’ideatrice del progetto “Cenando sotto un Cielo Diverso” Alfonsina Longobardi, dal prof. Carmine Pecoraro direttore del reparto, e dal giornalista Davide Milone. Con loro Vincenzo Di Cecio, di Tenuta San Domenico, location ove a marzo si svolgerà il prossimo evento di “Cenando sotto un Cielo Diverso in tour”, il cui obiettivo sarà raccogliere fondi per l’acquisto di un macchinario da destinare al reparto di nefrologia pediatrica dell’ospedale napoletano.