"AHNEDONIA", L'ALBUM DI DEBUTTO DEI MORPHIDE



L'album di debutto in studio dei Morphide Anhedonia non è un "capolavoro", ma allo stesso tempo è semplicemente splendido, molto apprezzato dalla comunità metal. Morphide ha creato un'esperienza molto individualistica di emozioni oscillanti, da melodie profonde e affascinanti a crolli schiaccianti. Energia feroce, strati ambientali eterei e armonie accattivanti: Anhedonia ha tutto questo. Ogni nuova canzone porta qualcosa di fresco sul tavolo, che si tratti di urla tonanti o assoli di chitarra rilassanti. Occasionali poliritmie e strutture di canzoni incoerenti spingono la band al confine del territorio prog, creando un'incertezza su ciò che verrà dopo. L'album presenta un profondo lirismo che ruota attorno alla personalità e all'identità personale, catturando diverse lotte e il lato oscuro della personalità. Ogni canzone è una storia a sé stante.


La traccia di apertura "Aftermath" salta direttamente all'argomento di una fuga da abusi e possessioni, mostrando la versatilità di alta classe sin dal primo secondo con riff tecnici e ritornelli epici. "Mayhem" continua le tendenze proggy della band senza alcuna struttura concreta delle canzoni, eliminando strofe e ritornelli classici e introducendo invece un flusso groovy. "Catharsis" d'altra parte è una canzone che potresti immaginare ascoltando su una radio con un gancio chiaro e un ritornello orecchiabile, che cresce ed evolve in urla furiose e implacabili di Eissa. Il punto sui cambiamenti tra voci pulite ed estreme è ciò di cui Anhedonia è pieno e con cui ci delizierà.




"Queen of Blame" è un inno dark metal post-apocalittico che porta pensieri lontani sui primi Tool, combinando riff poliritmici ripetitivi con voci distorte emotive quasi urlanti. Tuttavia, a volte chitarre basse e ringhi tonanti non sono ciò che crea pesantezza nella musica. La sincerità piena di dolore nella voce di Eissa in "We Are One" è ciò che rende questa canzone così schiacciante. La consegna emotiva è eccezionale e la stratificazione ambientale di Chris non può non affascinare. È una storia di perdita e accettazione, dove dopo tutti gli sforzi il destino non può essere cambiato e l'unico modo per andare avanti è andare avanti.


Ma per non diventare angosciante, i Morphide continuano con "Enter The Storm", un atto stimolante ed edificante, uno dei più brillanti e felici del loro album. "Akeneo", uno dei loro singoli precedentemente pubblicati, è stato accolto molto calorosamente dai fan, sia che si tratti di un'atmosfera unica o di un contrasto inaspettato tra parti melodiche e brutali della canzone che lo rendono così piacevole. "Panopticon", un altro singolo precedentemente pubblicato, è quello che i Morphide hanno definito "un altro cambio di direzione". Rispetto ai loro singoli precedenti, ha vibrazioni metal moderne più forti e un crollo schiacciante, mostrando urla lunghe, quasi da Chester Bennington.


L'ultima canzone "Cromulent" è una perfetta traccia di chiusura dell'album. Questa ballata con voce piena di sentimento e cantilenante e accattivante assolo di chitarra di Chris ti lascia con una sensazione di tristezza e leggera malinconia, sia per la canzone stessa che per il fatto che l'album è finito.


Come album di debutto, Anhedonia è un viaggio impressionante e divertente che crea grandi aspettative per i futuri lavori dei Morphide.


Link streaming: https://open.spotify.com/album/0wavxqyJMxZx5CDoHZ0Yjm