SCATTA E RISCATTA

“ La fotografia come arma di rivoluzione, fermare tutti quegli attimi che sono in grado di accendere una miccia nel nostro cervello. Perché la fotografia ha ancora la forza di smuovere le masse, di accendere gli animi e creare rivoluzioni.” Gianni Berengo Gardin Fotoreporter


VIVERE MEGLIO è un progetto che attraverso un vasto programma di attività, vuole contribuire allo sviluppo della coscienza civica con modalità di intervento che mirano a realizzare cambiamenti e a ripristinare "giusti rapporti la dove l’attività umana ha prodotto danni" , precisa il Dott. Raffaele Federico coordinatore delle attività. "Si è scelto lo strumento della fotografia perché attraverso l’immagine si inducono i soggetti coinvolti a riflettere sulle tematiche affrontate e sui modi per produrre cambiamenti."


Il prossimo appuntamento è dedicato ad un concorso fotografico che avrà inizio a maggio 2022.

I partecipanti, con massimo tre foto dovranno documentare lo stato del luogo, il suo degrado igienico sanitario, la presenza di rifiuti urbani, pericolosi, ingombranti, la presenza di cassonetti e la loro collocazione e stato ed inviarle, accompagnate da precise richieste di intervento alle Istituzioni competenti alle Istituzioni competenti e ai media.

I concorrenti avranno sette giorni a disposizione per realizzare attività volte alla risoluzione della condizione di degrado, avviando rapporti con il territorio, ovvero con Assessorato Ambiente, Municipalità, ASIA, Napoli Servizi, Ufficio Giardini,Stampa, Associazioni, Commercianti, Condomini.

Alla data di chiusura del concorso, i concorrenti dovranno far pervenire alla Giuria le foto finali, (massimo 3) accompagnate da una relazione che descriva il lavoro svolto per il raggiungimento del risultato ottenuto.

Manca ancora quasi un mese per l'inizio del "concorso" e per la miglior riuscita e partecipazione dell'iniziativa, in attesa di emanare il bando "definitivo" Raffaele Federico invita tutti i Cittadini a contattare l'Associazione per suggerimenti e collaborazione.